beta

Appello del vescovo Corrado per l'assemblea diocesana del 22 giugno

vescocorradRiportiamo l'invito del vescovo Corrado a partecipare all'assemblea conclusiva dell'anno pastorale, in programma per il prossimo 22 giugno a Vittorio Veneto.

"Carissimi sacerdoti, diaconi, consacrate, consacrati e fedeli tutti, sabato prossimo, 22 giugno, vivremo un importante momento diocesano: l'assemblea a conclusione dell'anno pastorale.
È un impegno che ci eravamo prefissi ancora lo scorso anno quando, elaborando gli Orientamenti pastorali per il triennio, avevamo indicato l'opportunità di celebrare alla fine di ogni anno pastorale un momento di assemblea per fare il punto della situazione e per rilanciare il cammino.
Un'assemblea diocesana non è un Convegno. È una circostanza assai più limitata che tuttavia mantiene un suo valore in ordine al cammino diocesano.
Ci sarà anzitutto una lettura della situazione pastorale come emerge dalle risposte al questionario inviato a tutte le parrocchie e già da molte restituito. Senza la pretesa di proporre un'analisi esaustiva, questa comunicazione si sforzerà di registrare il vissuto pastorale della nostra chiesa con le realizzazioni, le fatiche e le speranze che lo caratterizzano.
Ci siamo poi orientati a puntare l'attenzione sul progetto diocesano di accompagnamento al battesimo. È un progetto che è nato - come abbiamo più volte ricordato - dalle raccomandazioni emerse dopo il primo anno dedicato al tema del battesimo. Ed è stata un'iniziativa universalmente apprezzata. Da parte mia desidero impegnarmi in modo tutto particolare perché questo progetto possa continuare e diventare tradizione della nostra chiesa. Ritengo che attorno a questo progetto si condensino parecchie di quelle tematiche che sono emerse dal Convegno: il primo annuncio, la corresponsabilità per la missione, la valorizzazione dei laici...
Non si tratta quindi di un progetto settoriale, ma di un'intuizione e di un impegno nei quali trovano concreta attuazione il dovere di nuova evangelizzazione e la corresponsabilità per la missione che devono caratterizzare il cammino della nostra chiesa.
Sono convinto che il momento dell'assemblea sia un luogo privilegiato per ascoltare le esperienze maturate in questi anni, per fare il punto della situazione e per rilanciare il progetto.
Mi auguro vivamente che la partecipazione da parte di tutte le componenti della nostra chiesa sia numerosa e qualificata. Il cammino della diocesi va indubbiamente al di là di questo momento assembleare e tuttavia trova in esso un momento importante e altamente significativo.
Dandovi dunque l'arrivederci a sabato 22 vi accompagno con la mia benedizione."

+ Corrado Pizziolo